I cavalieri di Malto -

Birre natalizie, 4 abbinamenti al Murphy’s Law

Birre natalizie, 4 abbinamenti al Murphy’s Law
Abbinamenti arditi ma caldi, adatti per superare indenni questo freddo periodo...
Diffondi la crociata
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Quattro abbinamenti a suon di  musica per il Natale pià alcolico che ci sia

È tempo di nuovi abbinamenti al Murphy’s Law sempre all’insegna di I Beer Good. Questa volta il tema centrale sono le birre natalizie; queste birre si caratterizzano per una elevata gradazione alcolica e l’uso di spezie che spesso ricordano il clima e le atmosfere di questo freddo periodo.

antonio-zullo-giuseppe-schisano-birre-di-natale

Antonio Zullo e Giuseppe Schisano, una coppia ormai collaudata per esplorare il mondo della birra artigianale.

Vi avvisiamo, l’approccio a questa serata non deve essere il solito per due motivi:

1) Abbiamo cercato di valutare gli abbinamenti con la più classica delle Open Mind: gli abbinamenti erano azzardati, e tali solo potevano essere abbinando solo birre “natalizie” a diverse portate;

2) Ulteriore caratterizzazione della serata è stata un Playlist scelta da Antonio Zullo che ha provato
a dare un ulteriore chiusura del cerchio alla serata.

Rock & Roll baby e partiamo.

Primo abbinamento

barchetta-di-indivia-con-formaggio-fuso-con-pere-noel-de-ranke

Père Noël di de Ranke che accompagna una barchetta di indivia con formaggio fuso. La musica in sottofondo è blues/jazz.

Musica: ( blues/jazz songs )

Partiamo a cavallo delle renne con 7% della Père Noël, la birra mostra una schiuma persistente e una splendida doratura, al gusto è complessa e riesce a dosare un ottimo equilibrio tra componenti dolci ed amare con le spezie a fare da contorno. La secchezza finale ne reclama subito un altro sorso.

L’abbinamento è la barchetta di indivia con formaggio fuso, il sentore vegetale dell’invidia dovrebbe collegarsi alle spezie della birra, mentre l’alcol ripulisce e sgrassa il boccone di formaggio fuso. Il tutto è arricchito da tocchetti di tarallucci al finocchietto che donano un variazione crunchy al piatto.

Abbinamento ardito (partire con 7% è una sfida difficile per chiunque), ma equilibrato.

Durante la degustazione il locale ci avvolge in un caldo blues quasi a voler riscaldare ulteriormente la birra:

Winter Wonderland – Louis Armstrong
Santa Claus is back in town – Jonny Lang
Merry Christmas baby – B.B. King

Secondo abbinamento

tris-di-formaggi-con-black-christmas-toccalmatto

Black Christmas di Toccalmatto con Tris di formaggi stagionati con salsa artigianale di clementine. In sottofondo la musica è rock metal

La Black Christmas è una birra che porto nel cuore per motivi non solo legati alla bontà della bevanda:
si parla di una Imperial Porter (9%) con una complessità notevole; chi l’ha bevuta negli anni scorsi può ricordare
una nota alcolica più alta, quest’anno l’alcool è sceso a vantaggio di una speziatura più presente.
Il naso ed il gusto sono in piena armonia, possiamo sentire note torrefatte unita alle radici di liquirizia, vaniglia
ed un leggero agrumato.

Il compito di questo regalo di natale travestito da birra è quello di sgrassare un trittico di formaggi (pecorino toscano, caciocavallo e blue stilton) con salsa di clementine.

Niente da dire: il tris è impegnativo sia come piatto, sia da “affrontare” per la birra, anche se la salsa cerca di offrire
un ponte.

Le note diventano aggressive come le birre del birrificio coinvolto in  questa sessione, ma estremamente piacevoli. Nota di merito alla scelta di We wish you a metal Christmas, abbiamo chiesto il bis 🙂

White Christmas – Gun’s n Roses
We wish you a metal Christmas
Jingle Bell – Sex Pistols

Terzo abbinamento

bun-americano-hamburger-bacon-cacao-

Astrum Birrificio Sorrento con bun americano con hamburger speziato con cacao, cannella e pezzetti di cioccolata fondente, bacon e crema di nocidi Sorrento artigianale. La musica in sottofondo è swing.

Ritorniamo sulla costa sorrentina dove troviamo la Astrum (7%), birra natalizia del Birrificio Sorrento; birra che richiama negli odori tutta la tradizione napoletana, cannella, zenzero e chiodi di garofano sono una parte del bouquet olfattivo che questa birra può presentare. Per queste caratteristiche si rivela un ottimo abbinamento per tutta la selezione di dolci natalizi (roccocò, mustacciouoli, paste di mandorla, etc..)

Abbinamento estremo, il panino presenta tante varianti e tanti gusti estremamente particolari; prima di asaggiare il
piatto tutto il tavolo aveva più di qualche riserva sul panino, ancorchè sull’abbinamento, ma è risultato il miglior abbinamento tra quelli proposti!

Le note tostate si ritrovano nella birra, così come quelle di zenzero e cannella, il bacon è in equilibrio in un duo
dolce/amaro, il cacao è presente nel panino ma non prevarica il gusto.

Abbinamento per chi vuole osare ma sicuramente da provare.

Passiamo durante la degustazione nell’atmosfera swing e con un Baby it’s cold outside che finisce l’ultimo sorso di Astrum.

Baby it’s cold outside – Brian Setzer Orchestra
Let it snow! Let it snow! – E. Fitzgerald
Frosty the snowman – Michael Bublè

Quarto abbinamento

crostata-cioccolato-crema-e-datter-con-insanely-bad-elf-ridgeway

Insanely Bad Elf di Ridgeway con crostata di crema di cioccolato e datteri ricoperti da granella di mandorle. La musica in sottofondo è pop rock.

Insanely Bad Elf di Ridgeway con crostata  di crema  di cioccolato  e datteri ricoperti da granella di mandorle.
Musica: ( pop rock )

La Insanely Bad Elf è in stile barley wine (11,2 %) molto aromatica , ideale per l’invecchiamento presenta una buona struttura maltata, attenuata da una vena amara con una secchezza finale che resta anche dopo la degustazione. Al gusto abbiamo note di miele, frutta secca frutta rossa.

A completare la serata abbiamo una crostata con crema di cioccolata, il piatto è importante tanto che anche gli 11 gradi della birra fanno fatica a ripulire la bocca. L’abbinamento comunque resta buono, le note di cioccolato e soprattutto la parte di mandorla e datteri in bocca viene ritrovata nella birra con la parte speziata, sicuramente l’abbinamento meno estremo della serata ma gustificatissimo per la chiusura in dolcezza.

La serata si conclude sulle note del Boss che ci accompagna verso una notte piena di bei sogni (soprattutto considerando la verticale alcolica che abbiamo affrontato).

Merry Christmas Baby – Bruce Springsteen
Rockin around Christmas Tree – Miley Cyrus
Christmas- Joey Ramone

Qui di seguito riassumiamo l’intera playlist della serata. Se ti è piaciuto l’articolo condividilo!

Pere Noel  (blues/jazz songs)
Winter Wonderland – Louis Armstrong
Santa Claus is back in town – Jonny Lang
Merry Christmas baby – BB king

Black Christmas (rock metal)
White Christmas – Gun’s n Roses
We wish you a metal Chistmas
Jingle Bell – Sex Pistols

Astrum (swing)
Baby it’s cold outside – Brian Setzer Orchestra
Let it snow! Let it snow! – E. Fitzgerald
Frosty the snowman – Michael Buble

Bad Elf (pop rock)
Merry Christmas Baby – Bruce Springsteen
Rockin around Christmas Tree – Miley Cyrus
Christmas – Joey Ramone


Diffondi la crociata
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>