I cavalieri di Malto -

Birre Artigianali Campane al Murphy’s Law!

Birre Artigianali Campane al Murphy’s Law!
Diffondi la crociata
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Squadra che vince non si cambia!
Per una nuova ed emozionante serata di degustazione, questa volta all’insegna delle birre artigianali campane, i Cavalieri di Malto si recano a colpo sicuro al Murphy’s Law.
L’accoppiata Antonio Zullo & Giuseppe Schisano conduce la serata, un duo perfetto, che dalla loro collaborazione, ha fatto nascere il progetto “I Beer Good”, che si pone come obiettivo, attraverso varie serate di degustazione, quello di diffondere i concetti e la cultura, nonché i sapori, della birra artigianale.

Quali Birre Artigianali Campane vi raccontiamo:

Nella serata dell’8 novembre l’evento è incentrato esclusivamente sulle birre artigianali campane, che sempre più guadagnano quote del mercato italiano brassicolo, grazie alla loro qualità ed intraprendenza commerciale.

Le birre artigianali campane in questione saranno:
Syrentum – Birrificio Sorrento
Carminia – Karma
Belgian Trip – Lievito & Nuvole
Sta Notte – Sti Malti


Giuseppe Schisano (Birrificio Sorrento) apre la serata parlando dell’inizio del moderno movimento della birra artigianale in Italia, avvenuto nel 1996 con la nascita dei primi birrifici. Negli anni il fenomeno si è molto sviluppato, infatti ad oggi sull’intero territorio nazionale ci sono oltre 1000 birrifici.
Su questa grande mole un ruolo importante lo svolge la Campania che, con le sue birre artigianali campane,contribuisce al movimento nazionale con circa 50 marchi.

Le birre in degustazione di questa serata hanno grandi ambizioni, richiamano le 4 stagioni dell’anno, così, gli organizzatori della serata, hanno deciso di introdurre una novità interessante: ogni portata viene accompagnata da canzoni che, riprodotte in sottofondo, accompagnano per ritmo e musicalità le 4 stagioni.

Esperimento, per quanto ci riguarda, perfettamente riuscito!

Finalmente si Beve e si Mangia!

 

Finalmente entriamo nel vivo della serata e vi invitiamo a salire con noi a bordo di questo pulmino virtuale, che ci porta in giro per la Campania, andando a scoprire tutti gli abbinamenti tra cibo e birre artigianali campane!

Un po’ di calore di Sorrento per partire

La prima tappa del nostro pulmino è Massalubrense (NA).
Ad attenderci la “Syrentum” di Birrificio Sorrento, ricetta del già citato Giuseppe.
In perfetto stile con la sua filosofia, Schisano, ci introduce alla degustazione raccontandoci delle passioni e della cultura per la sua terra che l’hanno ispirato per la creazione di questa sua birra artigianale, piccolo concentrato di tipicità Sorrentine.

Questa birra molto nota, ricorda l’estate ed è assimilabile allo stile “Saison”, con un amaro secco e un sottofondo di limone fresco, non fai in tempo ad ingoiare un sorso che subito hai voglia di farne un altro.
Il piatto abbinato scelto per questa birra è:
millefoglie di pane carasau aromatizzato in emulsione di olio EVO, limoni di Sorrento e menta con zucchine e stracchino.
Abbinamento che si sposa perfettamente non solo per la presenza del limone sia nel piatto che nel bicchiere, ma anche grazie alla nota balsamica della menta, che richiama in pieno la freschezza della birra.
Una nota di merito va all’estro per l’idea di servire lo stracchino sotto forma di fonduta.

La Poesia di una serata Perfetta

All’esterno del locale scroscia la pioggia sulle tettoie, i primi freddi iniziano timidamente a farsi sentire, ma all’interno della sala del Murphy’s Law è piena estate, grazie anche al sottofondo musicale (L’estate di John Wayne di Raphael Gualazzi, Don’t stop me now dei Queen e A sky full of stars dei Coldplay) e al calore di tutti gli ospiti che, come succede sempre al Murphy’s, condivide la serata in pieno spirito conviviale.

Ed è subito Equinozio di Primavera

La seconda fermata del nostro trabiccolo è Alife (CE), zona di produzione del “Birrificio Karma” di Mario Cipriano, purtroppo assente per cause maggiori.
Ci viene servita la “Carminia”, birra artigianale campana stile APA (American Pale Ale) dall’aspetto e dai colori regali, principalmente ambrata con riflessi eleganti di caramello e oro.
Esplosiva all’olfatto, con i suoi aromi fruttati di mango e pompelmo, più un pizzico di caramello, confermati tutti anche al palato con una tipica nota luppolata, propria di questo stile ma che aggiunge un tono deciso e aggressivo.
Gli organizzatori di questa “soirèe” hanno deciso di accompagnare questa birra artigianale campana, morbida e amara, con una crepes alla birra con misto di funghi e salsiccia di Norcia IGP.
Anche in questo caso siamo di fronte ad un abbinamento azzeccato; la birra presente nella crepe funge da filo conduttore tra piatto e bicchiere, e la sapidità della salsiccia riesce a sostenere la bevanda.
Il sottofondo inconscio di questa seconda portata è dato dalle magiche note di Sweetest thing degli U2, Walk of life dei Dire Straits, Viva la vida dei Coldplay…ed è subito primavera!

Il Pulmino delle Birre Artigianali Campane passa per Avellino


Il pulmino del Murphy’s Law non si ferma ad aspettare nessuno e, non appena i calici si svuotano e le chiacchiere si consumano, ci porta ad Avella (AV).
Alessio Manzo ci apre le porte di “Lievito&Nuvole” introducendoci la sua creazione: la Belgian Trip, che ha, sorprendentemente, sostituito la Bounty, inizialmente prevista per questa portata.
E’ una Belgian Strong Ale dalle note olfattive dolci e fruttate (banana, mela verde e frutta gialla), e al palato si propone inizialmente zuccherina ma con un finale lievemente amaro.
Le sorprese tipiche del territorio campano non finiscono qui, infatti al piatto ci viene servito un panino ai 5 cereali e farina tipo 1, del panificio D’Auria, forno artigianale situato nel quartiere Vomero, con cui il Murphy’s Law ha stretto una collaborazione per valorizzare le reciproche ricchezze culinarie e brassicole.
Il panino artigianale ai 5 cereali ha l’arduo compito di intrappolare un morbidissimo hamburger di cinghiale impreziosito da ricotta di bufala, con pesto di basilico artigianale e melanzane grigliate.
Altro abbinamento che viene approvato da i Cavalieri che gradiscono particolarmente il potere sgrassante della birra e la sua secchezza che ripuliscono bene la bocca e predispongono ad un altro morso del succulento e sostanzioso panino.
Unica nota, forse di difficile interpretazione (anche a causa della nostra poca lucidità residua) è rappresentata solo dal pesto, che ha creato un po’ di contrasto con la bevanda.
Il sottofondo musicale che ci ha accompagnati nella degustazione di questa accoppiata autunnale è Allegria di Enya, Every breaking wave degli U2, November rain dei Guns N’ Roses.
November Rain dei Guns in particolare ha dato profondità agli animi mettendoli in sintonia con la pioggia che accompagna la serata. (a noi cosa gradita)

Dodici mesi volano quando si beve birra artigianale!

Si arriva, dopo un viaggio, in linea di birra, lungo 12 mesi, allo stazionamento in provincia di Caserta, questa volta a Carinola dal birrificio “StiMalti” di Ferdinando Lonardo, anche lui assente giustificato della serata.
A chiudere la serata, come conviene, è una birra artigianale stile imperial stout, la “Sta Notte”, che si presenta morbida ed avvolgente, con sentori prevalentemente di caffè accompagnati da uno spunto di affumicatura, percepibile ai nasi più allenati.
Per accompagnarla c’è un petit cadou, creazione del Murphy’s Law: una torta al cioccolato fondente e torrone artigianale.
Imperial stout- cioccolato fondente è una coppia che non può mai fallire, ed anche in questo caso confermiamo che l’abbinamento è pienamente riuscito.
Il sottofondo musicale dei Pink Floyd con Sorrow, Comfortably numb e Learning to fly, con il buon warming che la birra offre e l’appagamento culinario ci hanno pian piano trasportati in un’atmosfera prettamente invernale.
Con l’aggiunta di un camino saremmo andati a prenotare gli scii in baita.

Un viaggio di una sera…ma quanti ricordi:

Il piccolo pulmino ha terminato il suo giro, gli ospiti sono pregati di scendere e di prenotarsi per il prossimo tour guidato.

Il nostro palato ne esce estremamente soddisfatto, le nostre fauci stanche dal lauto masticare e le nostre menti arricchite dalle preziose nozioni che i padroni di casa ci hanno sapientemente comunicato.
In modo particolare scendiamo dal nostro pulmino con una consapevolezza rafforzata: la Campania è una terra meravigliosa e le sue birre artigianali sono la prova di quali grandi tesori può ancora donare all’Italia.

i Cavalieri di Malto vi ringraziano per la lettura e vi incitano a diffondere la nostra mission: “la Crociata per le Birre Artigianali”, condividendo sui vostri social questa e le altre nostre avventure.

Amiamo la birra e l’atmosfera che crea, seguiteci per rimanere aggiornati, anche sulla nostra pagina Facebook.
“Prost!”


Diffondi la crociata
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>