I cavalieri di Malto -

Dr. Caligari – Toccalmatto

Dr. Caligari – Toccalmatto
Una berliner weisse che ci riporta al mondo del bianco e nero
Diffondi la crociata
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dr. Caligari, l’espressionismo acido nella birra a firma Toccalmatto

In breve

Nome: Dr. Caligari
Formato: bottiglia (33 cl)
Stile: berliner weisse
Gradi: 6,3%
Produttore: Birra Toccalmatto
Temperatura di servizio: 6°
Bicchiere: pinta

dr-caligari-toccalmatto

La Dr. Caligari, buona berliner weisse secca e acida. Notare la quantità: ero talmente preso che troppo tardi ho ricordato di scattare una foto. Guarda più giù per capire l’origine dell’etichetta.


La scheda

Impressioni

Ho deciso di dedicare una scheda autonoma a una birra assaggiata per la prima volta nel corso di uno degli appuntamenti indetti dal pub Malto Reale I maestri del luppolo, alla presenza di Bruno Carilli, perché è stata quella che più di tutte mi ha scosso quella sera. Disponibile inizialmente come birra one shot, la berliner weisse Dr. Caligari è adesso rintracciabile tutto l’anno.

Una volta versata già rivela l’impiego dei lamponi freschi in produzione: color buccia di pesca matura con riflessi rosati, leggermente opaca. Da una weisse ci si aspetterebbe una schiuma traboccante, ma non così per questa variante, che presenta una schiuma quasi inesistente di colore bianco e che non lascia merletti.

Gli aromi danno una bella scossa al nostro naso. Alla prima annusata si viene investiti dallo spunto acido della rifermentazione lattica e dalla prepotenza del lampone. Ripetendo l’operazione con più attenzione, troviamo altri aromi di frutta sottostanti (limone, pesca e mela) e floreali (rosa).

Il sapore in bocca, come prevedibile, è caratterizzato dall’acidità già percepita al naso, ma non domina incontrastata come ci aspetteremmo da questo tipo di sensazione. Viene, anzi, affiancata da fragole e pompelmo e un che di citrico. Dal corpo medio e dalla carbonazione vivace, risulta caratterizzata da un’alta bevibilità e potere dissetante, accontentando al tempo stesso il palato. Saporita, se non sapida, chiude molto secca, il che ne aumenta il fattore ‘bevibilità’ a cui abbiamo accennato.

La Dr. Caligari è un ottimo esempio di berliner weisse (anche se al tempo stesso si discosta leggermente dallo stile: infatti la dicitura completa è doppel raspberry berliner weisse, insistendo molto sulla centralità dei lamponi) tanto più piacevole perché è molto rinfrescante.

Abbinamenti gastronomici

Ho visto abbinare la a una ricotta fresca servita con della composta di fragole durante la summenzionata serata de I maestri del luppolo, un abbinamento a mio avviso riuscito molto bene.

I produttori ne consigliano, tra le tante soluzini, l’abbinamento a carpacci di pesce e frittura.

Io, più banalmente, suggerisco di berla come aperitivo o birra da pre-serata.

Abbinamenti con l’arte

Abbinamento servito su un piatto d’argento: da gustare mentre si vede Il gabinetto del dottor Caligari, capolavoro del cinema espressionista tedesco degli anni ’20 di Robert Wiene.

gabinetto.dr-caligari-toccalmatto

Un fotogramma tratto dal film Il gabinetto del dottor Caligari che ha ispirato l’etichetta della Dr. Caligari di Toccalmatto.

Un po’ di storia

Birra Toccalmatto, fondata da Bruno Carilli, apre i battenti a Fidenza nel 2008 con un impianto da 550 litri. A oggi il nome Toccalmatto è conosciuto per le sue birre caratterizzate dall’alta beverinità e ispirate alla tradizione inglese e belga, da cui traspare tutta la passione per le birre vive, non filtrate e non pastorizzate.


Diffondi la crociata
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comment ( 1 )

  1. Toccalmatto, il freakshow sbarca a Caserta | I cavalieri di Malto
    […] nel bicchiere. Semplicemente geniale. La Dr. Caligari mi ha convinto al punto da dedicargli una scheda apposita. La consiglio, inoltre, come birra da bere in solitaria, ottima come aperitivo al posto del […]

Leave a reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>