I cavalieri di Malto -

Tag Archives

2 Articles

Birra e cibo, Nord contro Sud

Birra e cibo, Nord contro Sud
Si fronteggiano ad armi pari due aree ricche di fermento... ma chi la spunterà?

Così uguali e così diversi: il Sud e il Nord si sfidano a tavola con abbinamenti studiati per i due fronti

Ci ritroviamo al Murphy’s Law di Napoli, un locale che ha fatto della birra artigianale italiana la propria vocazione, con ben il 99% di etichette disponibili provenienti dalla nostra penisola.

Il 20 settembre abbiamo parte a un evento incentrato sull’incontro/scontro tra Nord e Sud Italia in materia brassicola. L’intento non è tanto quello di decretare un vincitore, ma di arricchirsi prendendo spunto dalle differenze che emergono. Complementare è la scelta di alternare, anche entro gli stessi abbinamenti, piatti che, allo stesso modo, richiamano sapori del Sud e del Nord.

antonio-zullo-giuseppe-schisano

Antonio Zullo e Giuseppe Schisano presentano la serata dedicata all’incontro Nord vs Sud in materia di cibo e birra

A Giuseppe Schisano di Birrificio Sorrento piace parlare di birra ed è sempre un piacere ascoltarlo, conduce la serata con la solita padronanza della materia insieme al proprietario Antonio Zullo. Spiccata diversità non solo dell’Italia dal resto del mondo, ma dell’Italia per l’Italia, con tutte . Il perché è presto detto. L’Italia è una regiona a vocazione vitivinicola e non brassicola. Quello che pochi sanno è che in realtà questa tradizione c’è stata ma è stata interrotta durante il periodo fascista, in cui sono state introdotte le accise e il predominio di una birra così come la concepiamo ancora oggi: industriale, ghiacciata, pastorizzata, non complessa.

Curiosi di sapere quali sono?

San Gennà, aiutaci tu! Una birra dedicata al santo patrono di Napoli

San Gennà, aiutaci tu! Una birra dedicata al santo patrono di Napoli
Una lager tutta napoletana incontra gli chef stellati Marianna Vitale e Lino Scarallo

Il Birrificio KBirr lancia la Natavot, lager dedicata al patrono della città di Napoli

Se martedì scorso il Vesuvio avesse eruttato, ne sarebbe sicuramente fuoriuscita birra e non lava.

Le leggi della natura avrebbero concesso uno strappo alla regola per la nuova birra dedicata al patrono della città di Napoli, una bassa fermentazione frutto del talento imprenditoriale di Fabio Ditto di Loco for Drink (che ricordiamo per la recente campagna sul vuoto a rendere in Campania) e della competenza del mastro birraio Achille Certezza del Birrificio Felix (già Trincanotte).

La scelta della location non è stata affatto casuale. Quale posto migliore delle scuderie di Palazzo Sansevero, l’atelier dove si esprime l’estro dell’artista Lello Esposito? Tra Pulcinella, Vesuvi, uova, corna e raffigurazioni di San Gennaro, la Natavot trova il suo scenario naturale di degustazione.

Ma non finisce qui. A impreziosire la presentazione hanno fatto la loro comparsa gli chef stellati Marianna Vitale di Sud Ristorante e Lino Scarallo di Palazzo Petrucci, che hanno offerto ai presenti dei loro piatti realizzati con materie prime fortemente legate alla tradizione napoletana.