I cavalieri di Malto -

Tag Archives

4 Articles

Extraomnes: “La birra va solo bevuta”

Extraomnes: “La birra va solo bevuta”
Le birre di Extraomnes ci accompagnano in questo gustoso viaggio culinario organizzato dallo staff del Murphy's Law Birreria Artigianale.

Cena con Schigi di Extraomnes al Murphy’s Law Birreria Artigianale con un menu da leccarsi i baffi.

 

E’ lunedi 9 ottobre, siamo reduci dalle fatiche di Eurhop, la manifestazione dedicata alle birre artigianali tenutasi a Roma il weekend 6-8 ottobre. L’idea è quella di concederci almeno un giorno di pausa, ma il Murphy’s Law Birreria Artigianale ha deciso di organizzare una cena con Extraomnes, uno dei birrifici più prestigiosi del panorama nazionale, di quelli che riescono a smuovere le masse quando partecipano ad eventi. Senza alcun dubbio alcuno abbiamo quindi rinunciato al meritato giorno di riposo per presenziare alla serata.

Per il birrificio è presente, manco a dirlo, il birraio Luigi D’Amelio, da tutti conosciuto come Schigi. Extraomnes non ha certo bisogno di presentazioni, ma qualche brevissimo dettaglio, per i più distratti, lo riportiamo lo stesso. E’ nato nel 2010, situato a Marnate in provincia di Varese, ha iniziato la sua avventura con 4 birre tutte della tradizione belga, di cui Schigi è grande conoscitore, fino ad arrivare, nel corso degli anni, a circa 30. Il nome della fabbrica e le etichette della birra rievocano il mondo latino. Extraomnes (“fuori tutti”) è infatti l’invito del maestro delle celebrazioni liturgiche all’inizio del conclave, mentre il simbolo dell’azienda è un cirneco dell’Etna, un cane che troviamo rappresentato in un mosaico pompeiano.

È arrivata “a staggione” degli abbinamenti per Birrificio dell’Aspide

È arrivata “a staggione” degli abbinamenti per Birrificio dell’Aspide
Il Birrificio dell'Aspide chiude il ciclo di abbinamenti con la birra prima della pausa estiva del Pub27

Il 30 giugno al Pub27 di Pompei l’ultimo appuntamento di abbinamenti con la birra della “saison“: chiude Vincenzo Serra del Birrificio dell’Aspide

Chimico, biochimico, biologo: Vincenzo Serra è uno e molteplice. Senza scomodare entità superiori, va detto che il mastro birraio del Birrificio dell’Aspide (Roccadaspide, Salerno) è riuscito in poco tempo a ritagliarsi un grande spazio nell’ambiente birrario campano e nazionale proprio in virtù di questo suo binomio fatto di passione e conoscenze tecnico-specialistiche, l’asso nella manica in un ambiente dove la chimica è tutto.

Lo ha dimostrato egregiamente prestando tre delle sue birre in catalogo agli abbinamenti pensati da Simone Cozzuto di Alta Gradazione Torrese. Padrone di casa il compagnone Emanuele ‘Menny’ Ambrosino, che ha ospitato l’appuntamento conclusivo in tempo per la pausa estiva.

Siete caldi?

Il Birrificio dell’Aspide incontra il cibo da Malto Reale

Il Birrificio dell’Aspide incontra il cibo da Malto Reale
Da Malto Reale una serata dedicata alle creazioni del Birrificio dell'Aspide e agli abbinamenti col cibo

Malto Reale incontra il Birrificio dell’Aspide in una serata di degustazione e abbinamenti col cibo

“Il primo solco non è mai solco”: secondo un detto cilentano, le cose fatte per la prima volta non saranno mai eccelse, ma andranno necessariamente ripetute per maturare e giungere a perfezione.
È stato così anche per Vincenzo Serra, titolare e mastro birraio del campano Birrificio dell’Aspide, che martedì scorso ha tenuto incollate alla sedia una quarantina di persone riunite al pub Malto Reale di Caserta. Ha raccontato di sé e di come è approdato al multiforme mondo della birra artigianale dopo 11 anni di homebrewing e sperimentazioni che gli hanno permesso di creare una gamma di birre che riflettesse la sua personale visione della bevanda: qualcosa pensato per accompagnare sempre un piatto. Con queste premesse l’evento non poteva che partire con il piede giusto.
Ed su queste parole che giungiamo al punto focale della serata imbastita da Adele Barletta, titolare di Malto Reale, colma di degustazioni di birre tutte ad alta fermentazione e alla spina e abbinamento con il cibo.
Cosa ci ha riservato la regia di Adele con le creazioni del cuoco Benedetto Sparaco? Scopriamolo insieme.