I cavalieri di Malto -

Yardbird Pale Ale – Greene King

Yardbird Pale Ale – Greene King
Una birra per commemorare una stella della musica
Diffondi la crociata
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Yardbird Pale Ale, una american ipa sulle note del bebop

In breve

Nome: Yardbird Pale Ale
Formato: bottiglia (33 cl)

Stile: american ipa
Gradi: 4%
Produttore: Greene King
Temperatura di servizio: 8°
Bicchiere: pinta

yardbird-pale-ale-greene-king

Invitante già dal colore, la Yardbird Pale Ale promette di essere una fedele compagna per tutti i momenti della giornata


La scheda

Impressioni

L’inglese Greene King dedica una delle sue birre alla leggenda del bebop americano Charlie ‘Bird’ Parker, e lo fa seguendo uno stile orgogliosamente americano come l’american india pale ale (aipa).

Versiamola. Si presenta di colore ambrato brillante, senza traccia di sedimenti, con una sottile schiuma bianca.

Annusiamola. Gli aromi insistono più sulle note citriche e di frutta tropicale, com’è prassi per le america ipa, e tracce di toffee e miele di acacia in risalto, non sottofondo, che vengono portate decisamente a pareggio con i sentori dovuti al luppolo col riscaldamento della bevanda.

Il gusto segue molto bene l’olfatto: al palato troviamo una birra dal corpo leggermente inferiore al medio, dal finale secco e non eccessivamente luppolato. Risaltano, forse più che al naso, le note maltate di biscotto e caramello che quelle del luppolo, tra cui è rintracciabile anche una speziatura. Una birra che va giù facile, avendo una carbonazione leggera e un apporto alcolico molto basso.

La Yardbird Pale Ale è una birra superiore alla norma, anche a ogni sorso si ha come l’impressione che manchi qualcosa che dia quel valore in più che la renda davvero piacevole e rivoluzionaria come è stato il bebop di Charlie Parker per il jazz. Rimane comunque una birra pulita, che rifugge dagli estremismi delle luppolature spinte di altri marchi americani, buona per una pausa rinfrescante in tutti i momenti della giornata.

Curiosità linguistica: yardbird in inglese vuol dire anche detenuto. Perciò perché non liberare la birra dalla sua prigione di vetro?

Abbinamenti gastronomici

Cibo messicano senza pensarci due volte. Sarà che è passato da poco il Cinco de Mayo, ma credo che sui tacos sia la morte sua. Se davvero provate l’abbinamento fatemi sapere le vostre impressioni!

Abbinamenti con l’arte

Out of Nowhere, canzone di Charlie ‘Bird’ Parker e Miles Davis appartenente a uno dei periodi più fecondi dell’artista. Abbinamento musicale scontato per la Yardbird Pale Ale che ne porta il nome? Assolutamente sì, ma per uno dei generi che ha rivoluzionato la storia della musica si può fare una piccola concessione.

 

Un po’ di storia

Greene King nasce più di 200 anni fa, nel lontano 1799, a Bury St. Edmunds, anche se la tradizione brassicola del paese pare addirittura risalire al 1086 in virtù di una menzione nel Domesday Book. Da una rincorsa così lunga in termini di storia vengono fuori birre ben conosciute e tradizionali come la Greene King IPA, la Old Speckled Hen e la Abbott Ale. Consigliata la visita guidata al birrificio in stile art deco e al museo per entrare appieno in questa atmosfera secolare davvero molto british.


Diffondi la crociata
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>